Il prestito conveniente

rata-prestito

Orientarsi nella moltitudine di offerte di prestiti alla ricerca del più conveniente non è un’impresa semplice. Un supporto in questa ricerca arriva dalle potenzialità del web, centro nevralgico di informazioni, strumenti di calcolo, blog dedicati, che guidano il potenziale richiedente attraverso i vari passaggi che conducono alla richiesta e alla concessione del prestito. Ma come individuare l’offerta che meglio risponde alle nostre esigenze?

Confrontare più preventivi

prestitiUno dei vantaggi più interessanti dello sviluppo del mercato dei prestiti e dei finanziamenti online è sicuramente la possibilità di chiedere molti più preventivi di quanto non sia possibile fare con i canali tradizionali. Si possono chiedere preventivi prestiti personali o finalizzati comodamente dalla propria postazione internet, spostandosi da un sito all’altro degli istituti di credito con un notevole risparmio di tempo e risorse, e riuscendo così ad ottenere la maggior quantità di preventivi nel minor tempo. Da qui deriva un altro importante vantaggio: l’ampia possibilità di comparazione tra ciò che il mercato offre rispetto alla richiesta da noi inoltrata, dati alla mano. Il confronto tra più soluzioni è di certo un buon punto di partenza per individuare il miglior prestito personale o finalizzato.

La simulazione del prestito

Individuate le offerte prestiti personali o le offerte prestiti finalizzati che più si avvicinano alle nostre esigenze, senza doversi improvvisare esperti del settore e cimentarsi in calcoli improbabili, è inoltre possibile effettuare una vera e propria simulazione del piano di ammortamento relativo al prestito e affidarsi ai calcolatori messi gratuitamente a disposizione sul web.
Grazie a questi software, l’utente può stimare in tempo reale
l’importo della rata di rimborso del prestito e il tasso annuo effettivo globale (meglio noto come TAEG), che è l’elemento cardine per paragonare tra loro le differenti offerte prestiti. Ai fini della valutazione infatti quel che importa sono gli interessi effettivi e tutte le spese e le tasse relative al credito dovrebbero essere comprese in tale calcolo – competenze per la tenuta del conto, possibili tasse di chiusura, provvigioni, interessi di stanziamento, spese per la stima, imposte, penale per rimborso anticipato etc.

Tan e Taeg, quale incidenza sulla valutazione

Gli annunci pubblicitari ci hanno abituato a sentir parlare di tassi d’interesse, Tan, Taeg, interessi zero, tasso zero. Sebbene siano nomi ormai familiari, il loro significato spesso sfugge alla maggior parte dei consumatori, ma nel momento in cui si è direttamente coinvolti nella valutazione della convenienza di un prodotto piuttosto che un altro, non si può fare a meno di documentarsi a riguardo. Tan sta per “tasso annuo nominale” e Taeg per “tasso annuo effettivo globale”. Come accennato, non è sufficiente conoscere solamente la misura del tasso annuale applicato dal creditore per poter valutare la validità e la convenienza di un’offerta: occorre infatti sapere in che misura incidono tutta una serie di oneri, di solito presenti, che solo il calcolo del Taeg fornisce.

rata-prestito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *